Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
8 gennaio 2012 7 08 /01 /gennaio /2012 10:14

Talvolta capita di vedere un video interessante su youtube e avere voglia di conservarlo nel nostro pc, anche solo perché non si ha voglia di caricare la pagina web per rivederlo o magari mostrarlo a qualcuno!

Istruzioni

  • 1
    Esistono diversi software per fare ciò, ma personalmente tendo ad evitare di riempirmi il pc di programmini scaricati, che alla lunga rallentano il sistema e talvolta introducono anche dei virus… Ecco perché qui vi spiego come scaricarvi tutti i video che volete da youtube senza ricorrere a simili soluzioni.
  • 2
    Ciò di cui parlo è un servizio web, del tutto gratuito, che si chiama “save youtube”. L’ho sperimentato personalmente, e non ho riscontrato né virus né altri broblemi analoghi. Come vedrete è veloce e semplice da usare.
  • 3
    Ecco come usarlo:
    è necessario, in primo luogo, aprire la pagina di youtube contenente il video che vogliamo scaricare. Ora aggiungete il prefisso “save” all’url della pagina, nella barra in alto nel browser (per esempio, se l’url del video fosse: www.youtube.com/watch?v=abc123 ; questo diventerebbe www.saveyoutube.com/watch?v=abc123)
  • 4
    Fatto ciò, ricaricate la pagina e sarete reindirizzati al servizio save youtube. Si avvierà un’applicazione java: permettetene l’esecuzione e verrà visualizzata una finestra mediante la quale potrete scegliere formato e destinazione del video scaricato.
Condividi post
Repost0
8 gennaio 2012 7 08 /01 /gennaio /2012 10:13

Istruzioni

  • 1
    Come si sa da tempo molti italiani manifestano malcontento per la loro connessione ad internet, le cause possono essere veramente tante, come ad esempio il posto dove ci si trova un router molto lento un pc con problemi di virus o semplicemete una questione di dns.
  • 2
    Per chi non sapesse cosa sono i dns una descrizione velocissima sono quei numerini che troviamo nella nostra connessione internet che ci permettono di associare il nostro sito web scelto per navigare all’indirzzo ip formato da dodici numeri, che identifica un dispositivo che si collega ad internet.
  • 3
    La mansione del dns è veramente importate quando il nostro pc naviga su internet i dns indicano il percorso che deve fare per la visone, ma se il dns già impostato dal nostro sistema è troppo affollato risulterà lento alla connessione ed ecco come avremo problemi di visualizzazione di quella pagina.
  • 4
    Per risolvere questo problema si possono scegliere altri dns che ci facciano aumentare la connessione ai siti web che vogliamo visitare. Un dns efficace potrebbe essere quello libero, cioè google dns.
  • 5
    Ora vi spiegherò come impostarlo, andiamo su menù e premiamo start, digitiamo nella barra dove si effettuano le ricerche centro connessioni di rete e condivisioni. Una volta che si vedrà il programma si dovrà andare su modifica impostazioni scheda, dopo si dovrà cliccare su proprietà, troveremo in basso la voce proprietà e subito dopo protocollo internet versione 4 e nuovamente su proprietà. Troveremo così scritto utilizza i seguenti indiri dns. Dove troverete scritto dns predefinito inserite questi numeri così come li vedete scritti con i puntini 208.67.222.222 server dns alternativo 208.67.220.220 cliccate su applica ed è fatto.
Condividi post
Repost0
8 gennaio 2012 7 08 /01 /gennaio /2012 10:11
  • Abbiamo installato l’adsl e internet vola ma, spesso, avvertiamo al telefono disturbi fastidiosi. Allora ci spostiamo per casa, magari con il cordless, ma i rumori continuano. Il problema non è il telefono o le batterie, bensì la radiofrequenza adsl che, se non filtrata, disturba i telefoni.
  • 2
    Dotare ogni telefono di un filtro adsl. Costano poco, sono facilmente reperibili e completi di istruzioni. Sono componenti passivi, quindi non richiedono alcuna alimentazione e risolveranno perfettamente il problema dei disturbi.
  • 3
    Altre volte i disturbi possono essere causati dalla linea telefonica che segue un ‘percorso misto’. Far passare la linea telefonica adsl vicino alla linea della corrente o addirittura nello stesso tubo, può causare forti inconvenienti. Anche la connessione internet potrebbe soffrire distacchi e rallentamenti. Verificate sempre la bontà dell’impianto.
Condividi post
Repost0
8 gennaio 2012 7 08 /01 /gennaio /2012 10:10
  • Per prima cosa accendete il vostro computer ed attendete il caricamento del vostro sistema operativo windows, se non lo avete acquistatelo ed installatelo. Al termine dell’installazione accendete il pc.
  • 2
    Una volta installato windows, andiamo ad osservare il nostro mouse: esso è composto da 2 tasti, quello destro e quello sinistro. Dirigiamoci sul tasto destro e clicchiamo, comparirà disponi icone per, aggiorna, nuovo e proprietà.
  • 3
    Per creare la nostra nuova cartella andiamo su nuovo, sotto ad aggiorna, e poi facciamo > cartella. Clicchiamoci sopra e vedremo l’icona della cartella.
    Su di essa scriviamo il nostro nome o un nome a piacere e facciamo invio.
Condividi post
Repost0
8 gennaio 2012 7 08 /01 /gennaio /2012 10:08
  • 1
    Ovviamente accendete il computer. Assicuratevi inoltre che la ricezione wifi sia attiva. Solitamente vi è un pulsante da muovere o premere sul computer per accendere o spegnere il wifi. Fatto ciò proseguiamo.
  • 2
    Una volta che il rilevatore è acceso, il nostro dispositivo wifi rileverà (sempre che ce ne siano nei paragi naturalmente) le reti wifi. Vi indicherà ciò facendo comparire una notifica in una nuvoletta in basso a destra della barra delle applicazioni.
  • 3
    Solitamente nella nuvoletta c’è la scritta “sono disponibili reti wireless”, o, in caso non ve ne sono, “nessuna rete wireless disponibile”.
    Nel secondo caso non ci resta che arrenderci o spostarci per rilevarne qualcuna.
  • 4
    Qualora ce ne fossero, cliccate sulla nuvoletta e vi aprirà una finestrella per la gestione delle reti wirless.
    Apparirà inoltre una lista con le diverse reti che il rilevatore rileverà. Tuttavia dobbiamo tener conto di un altro particolare.
  • 5
    Vi sono reti wireless che hanno la password e reti che non ce l’hanno. Basterà notare un particolare: un piccolo scudo con un punto esclamativo. Se è presente accanto al nome della rete, significa che essa non ha protezione.
  • 6
    In questo caso, basterà cliccare due volte sulla rete e accettare che il computer si colleghi, premendo eventualmente ok se chiede di effettuare la connessione.
    In caso la rete non avesse lo scudetto vi servirà la password.
  • 7
    Appena cliccherete sulla rete senza scudo, il computer farà apparire una nuvoletta con la dicitura “inserisci la password”, o qualcosa di simile. Se avete la password potete inserirla e potrete connettervi tranquillamente.
  • 8
    Un’altra particolarità da tenere presente è il disegnino delle tacche della rete. Questo disegnino apparirà accanto al nome della rete. Le tacche sono 5 in totale e a seconda di quante sono colorate di verde si capisce lo stato della linea.
  • 9
    Già se la rete segna 3 tacche su 5 è buono. In caso potete provare a spostarvi più vicino al punto in cui si trova il modem o il router dal quale arriva il segnale.
    Adesso sapete le nozioni basilari per potervi connettere wifi.
Condividi post
Repost0
8 gennaio 2012 7 08 /01 /gennaio /2012 10:02

Le reti sono problematiche. Wireless o ethernet, quasi tutti hanno avuto la loro parte di problemi nella connessione di rete. Potrebbe essere qualunque cosa CHE non consente di accedere a internet, pur essendo collegato alla rete.
Vi elenco alcuni metodi per risolvere il problema.

Istruzioni

  • 1
    Controlla il tuo file hosts:
    windows può utilizzare il file hosts per impostare gli indirizzi ip ai domini particolari. Questo significa però che può essere utilizzato per reindirizzare o effettivamente tagliare l’accesso a internet .

    Quando ho bisogno di risolvere i problemi di una connessione internet, questo è solitamente il primo posto dove vedere.

    Per visualizzare il file in windows xp, basta aprire il blocco note e andare su file-> apri. Poi, vai sul disco c, poi la cartella “windows”, quindi cartella “system32″, quindi cartella “driver”, quindi cartella “etc” e, infine, aprire il file “hosts”.

    Potrebbe essere necessario cambiare dove si dice “documenti di testo” a “tutti i file” per vedere il file hosts.
    Si dovrebbe avere solo la scritta voce e la linea che designa la localhost. Tutto il resto deve essere eliminato.
    Le istruzioni sono le stesse per vista e windows 7, solo che invece di aprire semplicemente il blocco notes, dovete fare clic destro sull’icona del blocco note e scegliere “esegui come amministratore” per modificare il file.
  • 2
    Controlla il tuo tcp / ip

    un altro problema può essere che il vostro tcp / ip sia stato modificato in qualche modo.

    Per xp, si vada su pannello di controllo e poi connessioni di rete.

    In windows vista / 7, accedere al pannello di controllo e poi centro connessioni di rete e condivisione. In 7, fare clic su “cambia impostazioni connessione.” in vista, fare clic su “gestisci connessioni di rete”.

    In tutte le versioni di windows, dopo si arriva ai luoghi designati sopra. Quindi selezionare “proprietà”.
    Fare clic su protocollo internet versione 6 e poi premete “proprietà”.se uno dei due l’ip o l’indirizzo del server dns non è impostato su automatico, insieme ad essere automatica.ripetere questa operazione per internet protocol versione 4.
  • 3
    Reimpostare il protocollo tcp / ip manualmente

    a volte, si può solo bisogno di reimpostare il protocollo tcp / ip. Questo può essere fatto facilmente dalla riga di comando in windows.

    Per windows xp, andare su start-> esegui. Digitare “cmd” e premere invio.dovrebbe sollevarsi una finestra di comando . Quindi digitare “netsh int ip ripristinare c: resetlog.txt” e premere invio. Sarà quindi necessario riavviare il computer.
    Per windows vista / 7, è necessario eseguire il prompt dei comandi come amministratore. Per farlo, basta digitare “cmd” nella barra di ricerca del menu start. Fare clic destro sull’icona “cmd” che uscira e scegliere “esegui come amministratore.” poi digitare la stessa come indicata sopra, premere invio e riavviare.
  • 4
    Il winsock reset manuale
    winsock, abbreviazione di windows socket api, è come windows gestisce i servizi di rete. Il ripristino di questo potrebbe risolvere un problema di rete.

    Il reset del winsock è simile al reset tcp / ip. Aprire un prompt dei comandi cmd per la versione di windows e digitare “netsh winsock reset”. Poi premere invio e riavviare il computer.
Condividi post
Repost0
21 dicembre 2011 3 21 /12 /dicembre /2011 23:14

Gli struffoli sono il dolce di Natale tipico della tradizione napoletana. Gli struffoli, sono palline di impasto grandi non più di 5-10 mm di diametro, fritte nell’olio e ricoperte di miele caldo. Gli struffoli generalmente si dispongono in un piatto da portata dando loro una forma a ciambella; si decorano infine con pezzetti di cedro, frutta candita e confettini colorati (a napoli li chiamiamo diavolilli o diavoletti).

 

:*

Ingredienti:
3 uova,
1 limone,
3 cucchiai di zucchero,
3 cucchiai di limoncello,
40 gr di olio di semi,
1 noce di burro
400 gr di farina 00,

250 gr di miele
1 confezione di diavolilli,
1 confezione di confettini argentati
1 di confettini all’anice

Procedimento:
Disporre la farina a fontana.
Al centro disporre le uova, il burro, lo zucchero, il limoncello, la buccia i limone grattugiata e l’olio.

impastostruffoli1.JPG

Iniziare a lavorare l’impasto assorbendo man mano tutta la farina.

impastostruffoli2.JPG

Lavorare l’impasto fin quando lavorandolo non si appiccicherà alle mani.

panettostruffoli.JPG

Formare con l’impasto dei cordoncini di pasta e tagliarli a pezzettini piccoli
(il procedimento per ottenere gli struffoli è simile a quello per fare gli gnocchi).

dscf4006.JPG

In una padella dai bordi alti versare l’olio di semi e quando l’olio sarà bollente, calare gli struffoli.

struffolinellolio.JPG

struffoli3.JPG

Appena saranno dorati ( 2/3 minuti circa ) sollevare gli struffoli con una schiumarola, farli sgocciolare e metterli in una terrina dove avrete già versato alcune cucchiaiate di miele.

dscf4079.JPG

Appena avrete finito di friggere tutti gli struffoli, versare il restante miele sugli struffoli e iniziare a mescolare il tutto.

struffolimiele2.JPG

Disporre gli struffoli al centro di un piatto da portata e dal centro far spazio dando agli struffoli la forma di una ciambella

ciambelladistruffoli.JPG

guarnire gli struffoli con confettini e diavolini.

struffoli.jpG

e questo è il risultato :P

struffolinapoletani.JPG

Condividi post
Repost0
16 dicembre 2011 5 16 /12 /dicembre /2011 22:42

Come prepararsi ad un colloquio di lavoro? Quali domande si fanno nei colloqui, di solito, e come fare una buona impressione già dal primo colloquio?

Se siete arrivati al colloquio di selezione, significa che avete già fatto molto di buono. L'azienda già ha scelto il vostro curriculum, l'ha ritenuto interessante e vi ha contattato per conoscervi meglio. Come comportarsi dunque?

In questa guida affronteremo tutti gli aspetti principali dei vari tipi di colloqui, e vi daremo dei consigli pratici per far sì che vadano a buon fine. Vedremo le fasi dei colloqui tipo, e vi aiuteremo ad interpretare domande e risposte. Siete pronti?

Iniziamo con una premessa importante: se il Curriculum vi è servito a farvi ottenere un colloquio, in questa nuova fase lo scopo dell'azienda è conoscervi (per questo si dice colloquio conoscitivo) e capire se siete davvero la persona adatta per il lavoro offerto. Tenete sempre a mente questo.

L'azienda inoltre potrebbe anche dover selezionare una rosa più ristretta di candidati, prima di operare la scelta finale: in questo caso, potreste dover affrontare più incontri in seguito al primo colloquio.

 

 

Come fare dunque, per affrontare i colloqui di lavoro con successo? Iniziamo con alcuni consigli che sono sempre validi per qualsiasi colloquio di lavoro: queste sono regole generali e di buon senso, che andrebbero applicate sempre, perché presuppongono rispetto e attitudine psicologica.

Quando devi affrontare il tuo colloquio, ricorda sempre queste semplici regole di base:

 

La sera prima, fai una cena leggera e vai a letto presto. Punta la sveglia con un anticipo sufficiente.

  • Cura la tua igiene personale. Sembra scontato, ma molti non lo fanno. È una questione di rispetto. Niente forfora nei capelli, niente rimasugli di cibo tra i denti. Profuma l'alito (niente gomme da masticare durante il colloquio!), ed elimina i cattivi odori.
  • Vestiti in modo consono. Non significa per forza che devi metterti in giacca e cravatta (o tailleur per le donne). Scegli un abbigliamento curato, vestiti puliti, stirati e ordinati. Come vestirsi dipende molto dal tipo di azienda: se cura molto le apparenze, scegli un completo formale, ma se sai già che il colloquio sarà informale, puoi anche presentarti in jeans e maglietta. Non apparire trasandato, ma nemmeno troppo elegante (niente abiti da sera nè trucco eccessivo).
  • Porta una copia del tuo curriculum (anche se molto probabilmente ci sarà già una copia stampata in ufficio, ma non si può mai dire) e assicurati di avere con te tutti i documenti necessari. Prepara tutto qualche giorno prima.
  • Accertati del nome della persona con cui parlerai, e memorizza nome e cognome.
  • Pianifica il percorso per arrivare da casa al luogo del colloquio, e fai in modo di arrivare puntuale. Cerca di anticipare gli imprevisti che potrebbero sorgere, e parti con un po' di anticipo. Se qualche problema ti impedisce di arrivare in tempo, avvisa per telefono prima dell'ora stabilita.
  • Evita di farti accompagnare al colloquio da amici o parenti: è decisamente poco professionale.
  • Arriva all'appuntamento con almeno 5 minuti di anticipo, e fatti annunciare. Sii gentile con la segretaria. Poi mettiti comodo e aspetta (fà attenzione già da questo momento al tuo atteggiamento: il tuo comportamento in sala d'attesa dice molto di te).
  • Preparati con entusiasmo e presentati con un bel sorriso. Sii positivo e propositivo, e fai attenzione a ciò che succederà. Il colloquio è importante per te così come è importante il tempo di chi ti sta conoscendo.
  • Prima del colloquio spegni il telefonino (o togli la suoneria). Se hai bisogno di tenerlo acceso per forza (per motivi particolari), avvisa subito le altre persone e spiega loro il perché.
  • Se sei agitato rilassati, fà un bel respiro, chiudi gli occhi e distendi tutti i muscoli. Se sei irrequieto comunque non preoccupartene eccessivamente, sta calmo ma ricorda che l'apprensione è comunque un segno che quel lavoro ti interessa.
Condividi post
Repost0
15 dicembre 2011 4 15 /12 /dicembre /2011 13:59
 

La      La7                               Mi7      La                  La7                         Mi7    La

Ci-gît au fond de mon cœur une histoire ancienne, Un fantôme, un souvenir d'une que j'aimais...

               La7                                    Mi7     La                       La7                   Mi7           La

Le temps, à grands coups de faux, peut faire des siennes, Mon bel amour dure encore, et c'est à jamais...

 

La                         Sim             Mi7        La            Fa#m         Sim    Mi7             La

J'ai perdu la tramontane En trouvant Margot, Princesse vêtue de laine, Déesse en sabots...

         Fa#m                  Sim                Mi7          La                Fa#m                Sim                Mi7           La

Si les fleurs, le long des routes, S'mettaient à marcher, C'est à la Margot, sans doute, Qu'elles feraient songer...

          Fa#m    Sim     Do#m     Fa#m Sim Do#m        Fa#m     Sim     Do#m         Fa#m Si7 Mi

J'lui ai dit: « De la Madone, Tu es le portrait ! » Le Bon Dieu me le pardonne, C'était un peu vrai...

             La     Fa#m     Sim                  Mi7      La             Fa#m                Sim    Mi7            La

Qu'il me le pardonne ou non, D'ailleurs, je m'en fous, J'ai déjà mon âme en peine : Je suis un voyou.

 

La                            Sim                   Mi7    La            Fa#m              Sim      Mi7                  La

La mignonne allait aux vêpres, Se mettre à genoux, Alors j'ai mordu ses lèvres, Pour savoir leur goût...

            Fa#m                 Sim                       Mi7   La                Fa#m            Sim                   Mi7           La

Elle m'a dit, d'un ton sévère : « Qu'est-ce que tu fais là ? » Mais elle m'a laissé faire, Les filles, c'est comme ça...

          Fa#m    Sim     Do#m     Fa#m Sim Do#m        Fa#m     Sim     Do#m         Fa#m Si7 Mi

J'lui ai dit: « Par la Madone, Reste auprès de moi ! » Le Bon Dieu me le pardonne, Mais chacun pour soi...

             La     Fa#m     Sim                  Mi7      La             Fa#m                Sim    Mi7             La

Qu'il me le pardonne ou non, D'ailleurs, je m'en fous, J'ai déjà mon âme en peine : Je suis un voyou.

 

La                     Sim                   Mi7        La              Fa#m                    Sim   Mi7                 La

C'était une fille sage, A « bouche, que veux-tu ? » J'ai croqué dans son corsage, Les fruits défendus...

            Fa#m             Sim                         Mi7   La                Fa#m            Sim                  Mi7           La

Elle m'a dit d'un ton sévère : « Qu'est-ce que tu fais là ? » Mais elle m'a laissé faire, Les filles, c'est comme ça...

          Fa#m    Sim     Do#m     Fa#m Sim Do#m        Fa#m     Sim     Do#m         Fa#m Si7 Mi

Puis, j'ai déchiré sa robe, Sans l'avoir voulu... Le Bon Dieu me le pardonne, Je n'y tenais plus !

             La     Fa#m     Sim                  Mi7      La             Fa#m                Sim    Mi7              La

Qu'il me le pardonne ou non, D'ailleurs, je m'en fous, J'ai déjà mon âme en peine : Je suis un voyou.

 

La                         Sim             Mi7        La            Fa#m                Sim    Mi7          La

J'ai perdu la tramontane, En perdant Margot, Qui épousa, contre son âme, Un triste bigot...

       Fa#m               Sim               Mi7   La         Fa#m                  Sim                Mi7           La

Elle doit avoir à l'heure, A l'heure qu'il est, Deux ou trois marmots qui pleurent, Pour avoir leur lait...

          Fa#m    Sim     Do#m     Fa#m Sim Do#m        Fa#m     Sim     Do#m         Fa#m Si7 Mi

Et, moi, j'ai tété leur mère, Longtemps avant eux... Le Bon Dieu me le pardonne, J'étais amoureux !

             La     Fa#m     Sim                  Mi7      La             Fa#m                Sim             Mi7   La

Qu'il me le pardonne ou non, D'ailleurs, je m'en fous, J'ai déjà mon âme en peine : Je suis un voyou.

 
Condividi post
Repost0
14 dicembre 2011 3 14 /12 /dicembre /2011 22:03

Quando si decide di avviare un'attività in proprio, la prima cosa da fare è aprire la partita IVA. Lo stesso discorso, chiaramente, vale anche per chi esercita una professione in maniera autonoma, vale a dire per i medici, per gli avvocati e più in generale quando si è dei liberi professionisti. L'IVA è una tassa che viene applicata ai beni e ai servizi e che occorre pagare allo stato.

Per aprire la partita IVA esistono diversi modi. Ci si può rivolgere ad un commercialista, pagando una somma di denaro, presso la Camera di commercio in maniera gratuita o presso l'ufficio IVA o l’Ufficio delle entrate di competenza in base al proprio domicilio fiscale. In quest'ultimo caso, è necessario compilare una una dichiarazione entro 30 giorni dall’inizio dell’attività o della costituzione di una società, si tratta del modello AA9/7 in caso di attività autonoma e individuale o il modello AA7/7 in caso di società. I regimi contabili sono in relazione al volume d'affari, ma si può optare anche per un tipo di contabilità forfetaria. La contabilità ordinaria, invece, è più complessa necessita di un'assistenza fiscale. Nel momento in cui si apre la partita IVA, il lavoratore deve assicurarsi all'Inail e ai fini pensionistici dovrà iscriversi alla gestione separata INPS, versando un contributo mensile fisso.

E' vero che possedere la partita IVA garantisce una certa libertà nell'esercitare la propria porfessione, ma comporta anche una serie di costi da non sottovalutare visto che il possessore di partita IVA deve pagare i 2/3 di quello che guadagna al lordo di previdedenza. Inoltre, si deve sostenere il costo dell'Irap e chiaramente, il commercialista che si occupa di gestire la contabilità. Ecco, perché avere la partita IVA conviene solo in caso di guadagni consistenti, mentre se si svolge un lavoro part time o un lavoro occasionale, occore trovare delle soluzioni alternative, come la collaborazione occasionale e continuativa o, il contratto a progetto.

Condividi post
Repost0